Cosa fanno i media alle città? Jenkins e le Media/City in Triennale

Il 7 giugno si apre la tregiorni di seminario Media/City: new spaces, new aesthetics promosso dalla Triennale di Milano. Un grande ospite internazionale interverrà in questa prima giornata di convegno: […]

Il 7 giugno si apre la tregiorni di seminario Media/City: new spaces, new aesthetics promosso dalla Triennale di Milano. Un grande ospite internazionale interverrà in questa prima giornata di convegno: Henry Jenkins.
Jenkins è uno dei maggiori esploratori e teorici del transmedia storytelling. Avevamo già incontrato le sue riflessioni presentando l’incontro con Jeff Gomez che, proprio da Jenkins, ha tratto ispirazione per dar vita a prodotti transmediali di grande successo.

Jenkins è professore alla University of Southern California. È stato fino al 2009 il Director del MIT Comparative Media Studies Program. Ha scritto saggi e libri su vari aspetti della cultura mediale e popolare, tra cui Convergence Culture (Apogeo, 2007). Qui Jenkins esplora e prevede che il futuro della cultura mediale sta nella convergenza tra media mainstream e media grassroot (quelli prodotti dal basso tramite UGC – user generated content). Un libro cardine per l’epoca comunicativa che stiamo vivendo, in cui i meccanismi di “fandom” e “fan-like” sono centrali per l’industria culturale.

Come si legge nella prefazione a Cultura Convergente: «il professor Jenkins si immerge nella cultura popolare del nostro tempo, fotografa in che modo le nuove tecnologie la stanno cambiando, poi torna in superficie e ci mostra un reportage che in realtà non è sui mezzi di comunicazione ma su coloro che li usano per comunicare. Nelle sue foto ci siamo noi».

Esattamente come in questo video in cui Jankins descrive noi, le nostre narrazioni e le forme con cui abitiamo le nostre città sempre più “mediali”.

Il tema della presenza mediale nelle città sarà al centro del convegno Media/City, un’opportunità per indagare la città contemporanea sotto vari aspetti: dalla tecnologia come strumento per l’economia alla tecnologia come elemento estetico urbano.

Di seguito, un pensiero del Prof. Francesco Casetti che introduce il senso del convegno milanese: cosa fanno i media alla città? Casetti parla di sei accezioni: la rendono «più funzionale, più attrattiva, più sociale, più bella, più ampia, più fluida».

Vi aspettiamo. L’ingresso all’evento è libero. Basta iscriversi qui.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming su www.meetthemediaguru.org e su www.triennale.org. Il pubblico in rete è invitato a dialogare con la redazione live sulla chat (nella stessa pagina dello streaming) e su Twitter (hashtag #newspaces).

About Meet the Media Guru

MEET THE MEDIA GURU è una piattaforma di incontri sulla cultura digitale e l'innovazione, ideata dalla Mattei Digital Communication. Post your vision #mediaguru