Close filters

Tipo di contenuto

Loading...

Ricerca in corso

Post

Alla Special Edition un’immersione nella New Media Art

Poteva mancare la New Media Art del futuro alla Special Edition Future Ways of living? Certo che no. L’11 e 12 giugno alla Mediateca Santa Teresa disegniamo gli scenari dell’arte “fatta con la tecnologia” che ci aspettano. A condurci in questo percorso sono una serie di guru internazionali, da Luc Courchesne, decano dei media artist mondiali al designer grafico a Mark Wendt, che con il suo studio FIELD, fa dei droni gli autori ultimi di originali narrazioni visive. A inquadrare teoricamente le loro panoramiche pensa Giuliana Bruno, professore di Visual and Environmental Studies ad Harvard, che ci invita a riflettere sul concetto di schermo da qui a dieci anni.

Ad aprire le danze è proprio Giuliana Bruno, fresca autrice di Surface: Matters of Aesthetics, Materiality, and Media nel quale teorizza un futuro in cui le superfici  – si tratti di uno smartphone, di un tablet o di una video installazione – sono destinate a farsi spazio di relazione e comunicazione, proprio come accade con ogni altra membrana, a partire dalla pelle (venerdì 12 giugno ore 18).

A Future Ways of living Luc Courchesne propone una lecture dedicata alla progressiva sparizione della frontiera estetica fra esperienze visive reali e virtuali.«La tecnologia – ha scritto Courchesne – è ormai diventata la nostra seconda pelle. Siamo totalmente pervasi e immersi nella tecnologia, coinvolti collettivamente in una dimensione poliedrica della realtà fisica, espansa e virtuale. In questo processo abbiamo subito una trasformazione passando da spettatori a fruitori, visitatori e ora abitanti delle nostre opere d’arte».

Se l’arte dell’esperienza si fonda su sistemi, metodi e apparati che esplorano le pieghe del reale, la bellezza del processo sta nell’integrazione che permette di renderli invisibili. Secondo Courchesne, infatti, da qui a 10 anni lo scambio reale-virtuale diventerà per noi un’immersione fluida, non una barriera da superare. (venerdì 12 giugno ore 21).

Mark Wendt è il giovane fondatore di FIELD, studio londinese che crea manufatti digitali mescolando design, arte e ricerca tecnologica. Immaginate di essere immersi in un ambiente digitale e guidare il volo di un drone attraverso un landscape urbano futuribile. Questo è City of Drones,  il lavoro che Wendt e i suoi hanno firmato per il Barbican di Londra nel 2014. Dopo averlo visto abbiamo deciso di portarlo a Milano per il decennale di Meet the Media Guru. Starà a lui raccontarci come i droni sapranno rivestire l’inedito ruolo di “creatori d’arte” (venerdì 12 giugno ore 21.30).

In attesa di scoprire come i droni rivoluzioneranno la media art, ci godiamo una preview di Violescence, l’ultima mostra realizzata da FIELD per l’Hospital Club della capitale inglese che mescola fotografia, animazione e musica in un contesto di immersive virtual reality attraverso l’utilizzo di uno speciale casco/scultura.

Per partecipare ai Guru Days è necessario iscriversi qui.